X Factor 5 – La finale

Le telecomari hanno degli amici.
O degli assi nella manica, se preferite.
Va bene: delle losche spie.

Fatto sta che abbiamo lanciato Roberta Talia in una casa con decoder Scai e lei si è sorbita al posto nostro la finale di X Factor 5, e adesso eccola qui, accucciata sul nostro divano, quasi incolume (lei, non il divano; il divano pure sta benissimo, grazie per esservi preoccupati) a raccontarcela.

Accucciamose un momentido, e parlamo.

Image

Questo è il rescoconto della finale di X-Factor 5 fatto da una che, per protesta, non ha visto neanche una puntata del suddetto reality (tranne l’ultima, appunto) dopo l’INGIUSTA E BARBARA eliminazione di Giulio Montagna.

Ieri però, causa num. 4 pizze presenti a disposizione del gruppo d’ascolto, mi sono recata ad assistere alla suddetta finale.

I finalisti erano, come forse voi sapete, tali:

Antonella: pizzaiola lesbo-rock convertita al glitter e ai tacchi dai sapienti guru dell’immagine di XF5, guidata da Arisa;
Francesca:
sedicenne mite e coraggiosa che insegue il proprio sogno, plagiata da Simona;
I Moderni:
i Black Eyed Peas torinesi, stravaganti e seguiti da Elio.

I concorrenti avevano l’onore di duettare con tre big: la sempre troppo allegra senza motivi apparenti Irene Grandi con Francesca, la sempre più muscolosa Mannoia con Antonella e la sconosciuta ai più Emeli Sandè con i Moderni.
MAIODICO l’italiano medio, che la conosce Emeli Sandè? Che una canzone ha fatto!

Comunque, dei duetti non ci frega una mazza; unica nota di colore: lo sapete che la Mannoia ha fatto la controfigura per Monica Vitti? Dopo essere stata menata abbastanza al suo posto nel film di Sordi Amore mio aiutami, ha appeso i cerotti al chiodo e ha deciso di cantare.

Image

Sono cose che secondo me dovevate sapere. Dovete anche sapere che, come ci è stato fatto notare da @matteobordone, la Mannoia è uguale ad Anna Mazzamauro.

Image

Insomma, veniamo al sodo: Morgan ha duettato con Asia Argento.

Sì, i nostri Kate Moss e Johnny Depp dei poveri hanno cantato una canzone insieme: Indifference. Schiena a schiena, appoggiati a una specie di scudo con tutte le M di Morgan e le A di Asia appiccicate sopra, lo scudo girava e loro si contorcevano pieni di πάθος, e pure noi ascoltavamo pieni di πάθος, ma proprio nel senso di SOFFERENZA perché la canzone era UNAMMERDA  parecchio brutta.

Miglior tweet a riguardo:

Image

Una cosa inascoltabile, da farti sanguinare le orecchie, da farti rimpiangere pure la Ventura che canta. Una canzone che però, attenzione, «è stata ispirata da Gli Indifferenti di Moravia», proprio così ha detto Asia, che mica sono come noi che passiamo la sera a strafogarci di pizza alle melanzane e guardare i reality, no, loro leggono Moravia bevendo vino rosso e scrivendo canzoni perché «siamo sempre stati creativi».

Asia, ma tuo marito che dice?

Non avevi detto che eri appagata dal matrimonio, che «il lavoro mi interessa solo per pagare il mutuo», che i tatuaggi erano «una scelta affrettata», che prima «era difficile sopravvivere essendo sempre se stessi. Così, mi sono inventata un personaggio», che desideravi solo «la pace nel mondo»? (sì, sì, l’ha detto qui e qui)
Perché, di grazia, sei vestita di pizzo nero e canti con il tuo visibilmente innamorato di te ex una canzone scritta da voi nel 2005?

Tutto ciò avrebbe dovuto chiedere quel manichino di Cattelan. Invece no: «Ora Asia se ne va». MACHECAVOLODICI, fai il conduttore, fai ciò che ogni Barbara d’Urso farebbe, chiedi, indaga, COMMUOVICI.

Che poi è proprio cattivo dire a Morgan «ora Asia se ne va», dai, pensa quante volte ha sentito ’sta frase.

Il resto di XF5 prosegue secondo copione: vince Francesca (dopo aver cantato le strategiche acchiappavoti Hallelujah e Someone like you di Adele), Simona commossa ripete in loop «non è un paese per vecchi» perché Francesca ha sedici anni e va sostenuta per questo (ma mica è un merito eh, li abbiamo avuti tutti, mah) e «Abbiamo vinto!».

Chiudo con il momento migliore della serata: il pugno di Elio ad Arisa. Solo 13 visualizzazioni per questo capolavoro.

One thought on “X Factor 5 – La finale

  1. Pingback: Metti una sera di tre quarti – Quarto Grado | Telecomari

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...